Come ben sappiamo l'amministratore condominiale deve sempre agire per conto dei condòmini nell'ambito di un rapporto giuridico. In base all'art. 1130 c.c., 1° comma, n. 3, rientra tra i doveri dell'amministratore di condominio quello di erogare le spese necessarie per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni. Spesso gli amministratori di condominio preferiscano presentare preventivi dei propri artigiani e professionisti. Noi di GeicoLombarda non imponiamo nessun obbligo sulla scelta dei preventivi per evitare che l'assemblea possa essere indotta a pensare che quell'atteggiamento fosse un interesse personale. Questa scelta è sicuramente legittima, ma rientrante più che altro nell'ambito delle valutazioni personali e non negli obblighi di legge!

Tutti i condomini devono essere informati delle problematiche esistenti tramite lettera o attraverso i consiglieri condominiali. Qualora i condòmini od una parte di essi ritengano necessario l'intervento manutentivo, va redatto un capitolato sulla base del quale vanno poi richiesti vari preventivi, da parte di ogni singolo condomino che lo voglia o che ne abbia la possibilità.

Gli obblighi che l'amministratore di condominio deve adempiere senza dubbio sono quelli fiscali. Che si tratti di gestione ordinaria o straordinaria. Tra gli adempimenti fiscali si parte dalla liquidazione mensile delle ritenute d'acconto, alla comunicazione relativa agli interventi di ristrutturazioni condominiali, Imu e Tasi sulle parti comuni, alla certificazione dei lavoratori dipendenti (nel caso ad esempio del portiere), sino al famoso modello 770.

Il codice civile disciplina nello specifico come ripartire le spese di manutenzione. Per quanto riguarda invece la modalità di riparto delle spese, l'articolo 1123 c.c. comma 1 stabilisce che esse sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione. La prassi ci dice che il direttore dei lavori è spesso nominato dall'assemblea proprio per vigilare e far fronte alle questioni che possono sorgere durante l'esecuzione delle opere e che necessitano di cognizione tecnica per essere risolte nel modo migliore.